Napoli

 NAPOLI

Mare bello dove sei?
Aria pura ma ci sei?

Napoli la culla di tradizioni
la città dell’amore del cuore,

sporcata da immondi padroni del nulla
sommersa da inutili parole di incapaci  burattinai

lacrime si mischiano al caldo sole che bacia la terra
terra nata con sudore e sangue
terra approdo
terra madre sognata

che si sveglino le coscienze  di chi può e non fa’

Vorrei ricominciare  a respirare il profumo del golfo
vorrei ricominciare a sperare.@

*°*

 Rifiuti… rifiuti…
Napoli ne è sommersa
tutti ne parlano
ma cosa si fa?

Io scrivo una poesia!

Cresy Crescenza
Copyright©2010 Inedita
Tutti i diritti riservati

http://www.scrivere.info/poesia.php?poesia=175888

 

L’autore della foto è pregato di contattarmi..grazie!

Senz’anima


IL LIBRO DI POESIA: Nudo angolo di cielo di Crescenza Caradonna
IL LIBRO DI POESIA:
Nudo angolo di cielo
di Crescenza Caradonna

Senz’anima

 Predatore senz’anima
ruota lo specchio

intreccio policromo
mi avvicino posseduta dai suoi riflessi

fisso senza peso l’immagine
vivo l’eterno

al di là l’uscita
avanzo

seguo la voce
risorsa inesauribile d’energia


predatore senz’anima
   ruota lo specchio
perdendosi nell’eco delle mie voci.@

Crescenza Caradonna


Copyright©2011 Inedita
Tutti i diritti riservati

Proverbio

 

Abbraccio

LA PAURA FA NOVANTA

Ad ogni avvenimento importante, ai sogni e alla combinazione delle carte vengono attribuiti specialmente nell’Italia meridionale, i numeri dall’uno al novanta ricavati dalla Cabala o da La Smorfia. Il novanta è proprio quello riferito alla paura. Da ciò è derivato il detto.
Cresy Crescenza
Cresy Crescenza

 

BY

 

Rugiada

Rugiada

Sveglia..
gocce di rugiada
su teneri fili d’erba
stanotte

un fragoroso temporale
ha squarciato i cieli

acqua in quantità
poi nulla più

solo gocce
su fili d’erba.@

Cresy CrescenzaCaradonna

Copyright©2010 Inedita
Tutti i diritti riservati

Info ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell’Autore.


“””” “Ho scoperto il segreto del mare meditando su una goccia di rugiada “”””

 Kahlil Gigran

The Book of Khalid Stamp illustrated by Khalil...
The Book of Khalid Stamp illustrated by Khalil Gibran 

Scatti Fotografici by Crescenza Caradonna

Il Lago Martignano ROMA di Cresy@
Il Lago
Martignano
ROMA di Cresy@

 

Lago di Lugano Svizzera Di CresyCrescenza@
Lago di Lugano
Svizzera
Di CresyCrescenza@

 

Piemonte In Miniera Di CresyCrescenza Caradonna
Piemonte
In Miniera
Di CresyCrescenza
Caradonna

 

Bari Palazzo della Provincia
Bari
Palazzo della Provincia

Milano Foto di CresyCrescenza Caradonna
Milano
Foto di CresyCrescenza Caradonna

 

Radici di Crescenza Caradonna
Radici
di Crescenza Caradonna

Barletta BARI Di CresyCrescenza Caradonna
Barletta
BARI
Di CresyCrescenza Caradonna

Basilica di San Nicola Bari

Basilica di San Nicola
Bari

11 Settembre 2013 BARI Di Cresy Crescenza Caradonna
11 Settembre 2013
BARI
Di Cresy Crescenza Caradonna

gif-animata-smile-testi_04990

Cresy@
Cresy@
CresyCrescenza Caradonna
CresyCrescenza Caradonna

G R A Z I E♥

cf08e-cs-wh-120x60

Impressions of September/Impressioni di settembre

Danilo Forte@

Foto di Danilo Forte
Copyrigth@2012

Photo of Danilo Forte
Copyrigth @ 2012
Ginevra/Geneva  



 
Impressions of September 


There amongst the leaves
of amber suggestions autumn
travel memories through photos
impressions of September

there among the branches of the mighty tree
shades imaginary …
roll the thoughts long gone  


wandering soul
is nourished by memory 


there among the dry leaves
me can hear screams of sweet nostalgia
calling a souvenir of love
staying forever in my heart. 


Cresy Crescenza Caradonna
Unprecedented @ 2012 



Prohibited download or copy  

THANKS

PUBBLICATA SU:

Solo Poesie di Cresy

POESIA TRATTA DAL LIBRO DI 

“Istruzioni dell’anima”  
di Crescenza Caradonna Cresy

ISTRUZIONI dell’anima

(Edizione Italiana) 

[Formato Kindle]

Crescenza Caradonna

 (Autore)

 

I più deboli: gli ammalati

I più deboli: gli ammalati

Gli ammalati che nei loro letti sono lì immobili senza la possibilità di poter fare le più semplici cose che a noi sembrano normali,gli ammalati che dipendono da un sorriso o da un gesto che gli porti il sole nei sofferenti giorni di degenza, gli ammalati che, giovani, vecchi o bambini, guardano al futuro come speranza d’un piccolo barlume di vita, a loro dedico oggi il mio pensiero ricordando che la sofferenza non ha età e stato, non ha colore nè nazionalità ma ha solo i colori dei cuori puri d’animo, quei colori che li avvicinano più degli altri a Dio.

di Cresy Crescenza Caradonna

Vedo un angelo

Occhi negli occhi
mani nelle mani
cuori nei cuori
l’anima mia trafitta dal dolore
si nutre degli angeli senza nome

ogni giorno
ora dopo ora
minuto dopo minuto
gli angeli ora si chiamano ammalati
vedo gli angeli
nei loro fragili corpi
li accarezzo li dono un sorriso

s’apre il cielo
in un arcobaleno
d’un dolce sentir d’amore.@

di

Crescenza Caradonna