Santa Crescenza – La storia della beata

Festeggio l’onomastico della Beata Santa Crescenza il 1 giugno per far onore alla mia cara nonna Crescenza nata nell’anno 1900 che teneva a questa data trasmessa da sua madre.

Santa Crescenza
– La storia della beata-

A cura di Crescenza detta Cresy Caradonna.

 


Beata Crescenza Valls Espi
26 settembre
Vergine e martire

Onteniente, Spagna, 1863 – Puerto de Canals, Spagna, 26 settembre 1936

Crescencia Valls Espí nacque nel 1863 a Onteniente (Valencia) e fu battezzata il 10 giugno 1863 nella chiesa parrocchiale di Santa Maria. Ricevette una formazione di cultura generale. Donna di grande pietà, partecipò quotidianamente all’Eucaristia. Aderì all’Azione Cattolica e ad altre associazioni apostoliche, specialmente per la cura degli ammalati e dei poveri. Fu imprigionata insieme alle tre sorelle: Concepción, Carmen e Patrocinio. Dopo poche ore di prigionia, il 26 settembre 1936 a Puerto di Canals, subirono il martirio al grido di: “Viva Cristo Re!”. La sua beatificazione è stata celebrata da Papa Giovanni Paolo II l’11 marzo 2001.

Martirologio Romano: Nel villaggio di Puerto de Canals nel territorio di Valencia in Spagna, beata Crescenza Valls Espí, vergine e martire, che patì il martirio nel corso della medesima persecuzione contro la fede.

Dicono di lei che sia “esagerata con i poveri”. Ora, se il concetto di esagerazione è sempre soggettivo e commisurato ad un personalissimo metro di valutazione, è pur vero che sempre esprime una modalità “oltre misura”, che suscita ammirazione e in qualcuno anche un po’ di invidia. E la cosa è tanto più autentica se ad esprimerla non è un singolo soggetto, ma rappresenta un comune sentire. Nel caso, poi, di Crescenza Valls Espí è addirittura un coro di voci, perché ognuno vuole ricordare un aspetto di questo suo “esagerato” amore per i poveri. Così c’è chi la ricorda presente in tutte le case in cui è passata una disgrazia, una malattia o una qualsiasi necessità; chi racconta di quando andava ad elemosinare nelle case dei ricchi, per acquistare cibo e medicine per i poveri; chi la dice capace di commuoversi fino alle lacrime davanti ai casi più gravi; chi, solo per fare un esempio, cita l’episodio della ragazza tubercolotica che nessuno vuole curare e che solo lei va ogni giorno a trovare, portandole cibo e medicine. E la sua è una carità che sconfina oltre la morte, perché corre sollecita in ogni casa in cui c’è stato un lutto, per consolare chi resta e per aiutare a pagare il funerale a chi non ce la fa. È nata nel 1863 a Onteniente (Valenza) e la sua vita si svolge tutta qui: in casa, dove lavora come ricamatrice, provvedendo a mantenere sé e la famiglia, mentre tutto quel che sopravanza è destinato ai miserabili che visita ogni giorno; in chiesa, dove si reca quotidianamente e magari più volte al giorno. È donna dalla comunione quotidiana e dalla confessione frequente, con una buona direzione spirituale e una devozione particolarissima al sacro Cuore e alla Madonna. Tutto qui, niente di più per questa donna estremamente semplice, dalla cultura elementare acquisita presso le Suore di San Vincenzo, che soprattutto le hanno insegnato ad essere un’autentica cristiana. E tanto le basta per prepararsi ad un sì definitivo e coraggioso per Cristo che le farà guadagnare la corona del martirio. Mentre in paese sono ammirati per il suo attivismo, il suo impegno e la sua carità senza limiti., per gli “altri”, cioè per quelli che nel 1936 stanno mettendo a ferro e fuoco la Spagna, altro non è che una bigotta, che a 73 anni suonati, con il suo esempio contagioso e la sua fede forte, è estremamente pericolosa per i loro progetti rivoluzionari. Sanno che è iscritta alla Compagnia delle Figlie di Maria e all’Apostolato della Preghiera, che è attivissima tra le Donne della San Vincenzo, che è uno dei pilastri della locale Azione Cattolica e della Compagnia del Carmine: elementi più che sufficienti per classificarla tra le “cattoliche ferventi” e con questo capo di accusa condannarla a morte. Cominciano a farle giungere più o meno velate minacce e intimidazioni, a gennaio 1936 il sindaco di Onteniente la denuncia come cattolica al governatore di Valenza, ma il mese dopo lei è di nuovo in prima linea durante la campagna elettorale, per difendere la fede e incoraggiare alla fedeltà al Papa. Sa che tutto questo può costarle la vita, ma non cambia le sue abitudini, non diminuisce il suo impegno e non prende precauzioni, perché, dice, il massimo che possono farle è “ammazzarla per Dio”. Il 26 settembre 1936 i miliziani irrompono in casa sua poco prima di mezzogiorno e la arrestano insieme alle sue tre sorelle. Resta in carcere dodici ore appena e non viene neppure processata, perché la sentenza di morte è già stata emessa la sera prima dell’arresto. A mezzanotte, nel porto di Ollería, si sentono degli spari, ma soprattutto delle grida che altro non sono che una confessione di fede ad alta voce: “Moriamo per Dio. Viva Cristo Re”. Tra questi martiri per la fede c’è Crescenza Valls Espí, “esagerata” non solo con i poveri ma anche nella professione della sua fede, che l’11 marzo 2001.Giovanni Paolo II ha proclamato beata, insieme ad altri 232 martiri spagnoli.


Autore: Gianpiero Pettiti

Dal sito web
SANTI, BEATI E TESTIMONI



Festeggio l’onomastico della Beata Santa Crescenza il
1 giugno per far onore alla mia cara nonna Crescenza nata nell’anno 1900 che teneva a questa data trasmessa da sua madre.

«Le radici sono nei nostri avi
noi siamo quello che loro furono
che si perpetueranno nei figli dei nostri figli.»

Crescenza Caradonna detta Cresy

 


 

1˚Classificato Libro Edito di Poesia Premio Nazionale Letterario e Teatro N. Premio Martucci Valenzano -Valenzano -Bari- XIII Edizione 2015


 11903985_1123924657635113_8139641428822158859_n.jpg

1˚Classificato Libro Edito di Poesia
Premio Nazionale Letterario e Teatro
N. Premio Martucci Valenzano
-Valenzano -Bari-
XIII Edizione 2015


Premio nazionale di letteratura e teatro
“Nicola Martucci” XIII Edizione 2015
Articolo su:

http://www.noidonne.org//blog.php?ID=06484

http://wp.me/p137Y2-c64

http://wp.me/p137Y2-c77


A come Amore Il Libro di Crescenza Caradonna
Premiazione Domenica 21 Giugno 2015
Presso il Castello Baronale di Valenzano – Bari-.

DOVE TROVI IL LIBRO O DIRETTAMENTE DALL’AUTRICE



La scultura donatami da Rocca Sardone
in terra cotta dal titolo
“Maschera”
Ricevuta in occasione del Premio Martucci 2015
“A come amore”
1° Classificato
sez. libro
di Crescenza Caradonna
http://www.youcanprint.it/youcanprint-libreria/poesia/a-come-amore.html
#scultura #cresycaradonna #premi #poesia #letteratura#amore #artisti

Presso il Castello Baronale di Valenzano – Bari-.

MOMENTI DELLA PREMIAZIONE

http://www.youcanprint.it/youcanprint-libreria/poesia/a-come-amore.html

Ringrazio tutti gli amici e parenti per aver postato un pensiero o un mi piace con i quali ho condiviso il risultato ottenuto per l’ultimo mio libro:
” A come amore “, vorrei dedicarvi un mio pensiero che troverete anche nel libro:
” La poesia d’amore è al centro dei miei versi come creazione di un mondo dove il cuore ben si interseca con i sentimenti puri dell’anima…”
Il resto… comprate il libro.
SU:
DOVE TROVI IL LIBRO DI POESIA
http://www.youcanprint.it/youcanprint-l…/…/a-come-amore.html

O DIRETTAMENTE DALL’AUTRICE



Grazie alla vita!
Crescenza Caradonna


Una rosa blu di Crescenza Caradonna

 

Una rosa blu

 

Una rosa blu
galleggia tra le acque fredde

una rosa blu
suda lacrime

una rosa blu
intrisa di rosso

nei flutti neri
s’agiata senza un perché,

se un domani ci sarà per capire
se un domani chiara l’alba tornerà
mi fermerò a pensare,

ma niente potrà restituire
ciò che il mare ha voluto prendere
negli abissi di un cristallino vetro assetato d’amore.

Cresy Crescenza Caradonna
15 gennaio 2012 @

Haiku
Rami in mare
ferme sono le stelle
Braccia al cielo©

Cresy@ Crescenza

http://andiamoalmaresi.wordpress.com/2012/10/13/una-rosa-blu/


  • Haiku (aldamerinicresi.wordpress.com)
  • Musica/Music (andiamoalmaresi.wordpress.com)

  • GRAZIE  PER LA FOTO A GIANNI NIGANICresy


Cuore di cristallo LIBRO DI POESIA – Crescenza Caradonna

‘Cuore di cristallo’

di

Cresy Crescenza Caradonna

PAGINA BLOG

http://wp.me/P137Y2-5wj

PAGINA FB

Cuore di cristallo
LIBRO

Filastrocca dell’estate

FILASTROCCA DELL’ESTATE

Luminosa come mai?
Io mi chiedo…ma tu lo sai!

Brilli tanto piccolina per dar luce agli occhi miei
per dar luce a questo giorno

di un’estate che ora mai
è iniziata calda più che mai!

Luminoso caldo sole
ti diverti a riscaldare


sei la vita sei la gioia
sei l’origine del mondo

ma mi chiedo se lo sai
stella bella più che mai!


Basta rime e contro rime
ora vado…vado anch’io.

filastrocca dell’estate!@

Cresy CrescenzaCaradonna

Copyright©2011 Inedita
Tutti i diritti riservati

Pubblicata anche su:

G R A Z I E   P E R    L A    V I S I T A

se vuoi lasciami un commento! 

 

Riflessione

Non è mai troppo tardi

Di Cresy@
Di Cresy@

39897nlisk85oji

Cresy (6)

BARI FOTO DI CresyCrescenza Caradonna
BARI
FOTO DI
CresyCrescenza Caradonna

 

39897nlisk85oji

BARI al tramonto di Cresy Crescenza Caradonna
BARI al tramonto
di Cresy Crescenza Caradonna

 

39897nlisk85oji

Bari Tramonto di CresyCrescenzaCaradonna
Bari
Tramonto
di CresyCrescenzaCaradonna

di

Cresy Crescenza Caradonna

Di Cresy@
Di Cresy@

 

“Cogli l’attimo”

Di Cresy@
Di Cresy@

Allegra

 

Allegradi CresyCrescenzaCaradonna
Allegra
di CresyCrescenzaCaradonna

Allegra 

Allegra nel viso
di un silenzio immutato
lontano lo sento
parlo nell’intimo

lascio alle spalle ricordi bambini
di quando chiamavo la mamma.. negli echi del vento
leggiadri  ricordi svaniti negli anni
cullati dal tempo passato

sorrido felice
m’inchino alla vita
raccolgo quel fiore di campo vestito
stringendolo al petto

sapore d’infanzia
lasciato per sempre
serrato nel  cuore di donna bambina.

Cresy Crescenza
Copyright©2011 Inedita

Tutti i diritti riservati

Info ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell’Autore.

***

POESIA PUBBLICATA SUL LIBRO

Suicide Love Killer
“Suicide Love Killer”

Trecentonove/309



6 aprile

L’Aquila

tre anni fa il terremoto,

in 10mila alla fiaccolata della memoria:

 6 aprile 2013 @ 



 

 

” Trecentonove/309 “

Trecentonove anime
Trecentonove vite spezzate
Trecentonove

Luci nella notte
nomi scanditi ad uno ad uno

lacrime sui volti 
brillano come stelle perse nel vuoto 
perle che scendono
scavano nel profondo dolore  

in cerca di un perché. 

Trecentonove…
mamme
papà
figli
bambini
vecchi…

 in questa chiara notte
mille lumini illuminano il cammino
mille mani giunte verso il cielo
strette nel ricordo di

Trecentonove perduti amori .@

Cresy Crescenza
6 aprile 2012 @

Oggi dopo un anno

nulla è cambiato!

Gira la palla

( Opera di Takashi Murakami )


”Gira la palla”

Gira la palla
gira la vita

fiori sul mondo
fiori d’amore

nasce un bambino
s’apre il bocciolo.

Nel letto  di sole
si desta il mattino
nel tenero abbraccio
dorme un piccino

la dedica bella di due innamorati
tra tenue carezze e splendidi baci.

Ma gira la palla,
la palla  di fiori
che rotola dolce sui destini del mondo.

Crescenza Caradonna

 

Copyright©2010 Inedita
Tutti i diritti riservati
Info ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell’Autore.