LA FOTO DEL GIORNO



BARI

LA FOTO DEL GIORNO

Città vecchia

Foto di Cresy Crescenza Caradonna ‘BARI VECCHIA’

Città vecchia

Quando torno a casa mia
mi piace passare per la città vecchia.
Ceruleo il cielo si affaccia
nelle luci dei stretti vicoli.

La gente qui
dove il mare fa capolino
si ritrova a bere sotto gli antichi archi
ed io passando mi ubriaco di immensa semplicità. Qui il vecchio ricorda mentre una donna litiga
sull’uscio di una bottega di friggitoria,
un ragazzo sorride.

E’ la vita che brulica tumultuosa
qui dove, in compagnia dei miei candidi pensieri vago
e mi sento a casa
tra i pudici chiarioscuri dei serrati vicoli.
Cresy Crescenza Caradonna
Bari 10.04.2019

COMUNICATO: COLLETTIVA DI LIBERI ARTISTI,COLONNATO DEL PALAZZO DELLA CITTA’ METROPOLITANA DI BARI



COMUNICATO
Inaugurazione Mostra
COLLETTIVA DI LIBERI ARTISTI da sinistra a destra: dott.Angela Boggia, dott. Maria Catalano, Presidente all’ Assessorato alla Cultura cittadino dott Giuseppe Cascella, dir. Crescenza Caradonna scrittrice poetessa, dott.
Rosa Grazioso Ente Cultura Bari

ARTISTI CON ME
COLLETTIVA DI LIBERI ARTISTI
PITTORI – SCULTORI – POETI – SCRITTORI
VERNACOLISTI – FOTOGRAFI
COLONNATO DEL PALAZZO DELLA CITTA’ METROPOLITANA DI BARI
26 MARZO – 2 APRILE 2019

Una Collettiva nata tra artisti vari che si è presentata, ieri al pubblico nella stupenda ambientazione del Colonnato della citta’ Metropolitana di Bari (ex Provincia).

Dal 26 marzo al 2 aprile, 30 tra artisti e fotografi, ed alcuni Poeti, scrittori e vernacolisti, Stanno dando vita ad un vero evento, variegato e vivace , privo di canoni prestabiliti.
Da sempre gli artisti vivono in un mondo a parte, non hanno paletti, né convenzioni, solo aggregazioni, cosi come nelle storiche scuole o botteghe.

E’ proprio questa libera unione che fa da spinta. L’artista non può vivere isolato, ha bisogno di confrontarsi, di esporre, ma deve anche lavorare e dipingere, pertanto ha bisogno di essere supportato da figure, quali una storica e critica d’arte, in questo caso la dott. MARIA CATALANO e di una storica ed anche brava organizzatrice logistica, e p.r. quale la dott. ANGELA BOGGIA e, in questo caso, dei consensi della Direzione del Palazzo della Citta’ Metropolitana di Bari , dott. ROSSANA PIACENTE e ampiamente supportati dal Presidente all’ Assessorato alla Cultura cittadino dott GIUSEPPE CASCELLA.

A MOVIMENTARE LE SERATE letture di poeti, vernacolisti, scrittori ed un intervento sulle celebrazioni del 500 ario della morte di LEONARDO DA VINCI ed le sue mille sfaccettature.

27 marzo, ore 17.00 LETTURA da parte del prof. Donato TAMBONE di alcuni suoi versi, tratti dalle sue numerose pubblicazioni. Presentazione dott. Maria CATALANO.

28 marzo, ore 17.00 LETTURA di alcuni componimenti , in vernacolo da parte di Concetta ANTONELLI e Paolo DE SANTIS, due autori che si presentano da soli, per bravura e presenza scenica.

29 marzo, ore 17.00 LETTURA di versi del pluripremiato poeta Giuseppe MILELLA.

30 marzo, ore 17.00 CONSEGNA DEGLI ATTESTATI DI PARTECIPAZIONE agli artisti, da Parte della MADRINA la poetessa CRESY CRESCENZA CARADONNA e le organizzatrici dott. Maria CATALANO e Angela BOGGIA, Con la gradita presenza del prof. NICOLA CUTINO ed altri ospiti.

31 marzo, ore 10.00 due donne, due generazioni, un filo conduttore comune, una amicizia a confronto, la scrittrice Silvia DEVITO FRANCESCO e alcuni versi di Maria Catalano. Leggerà il prof. Donato TAMBONE.

1 aprile, ore 17.00 LEONARDO DA VINCI a 500 anni dalla sua morte, aspetti interessanti dei non troppo conosciuti rapporti di Leonardo con la citta’ di Bari, Isabella D’ARAGONA e Bona SFORZA un gossip rinascimentale a cura di Maria CATALANO nella sua veste piu’ seria di Storica dell’arte.

RINGRAZIAMO TUTTI PER LA PARTECIPAZIONE E IL CONTRIBUTO DATO ALLA MANIFESTAZIONE, NON MANCATE.
Maria Catalano

CresyComunicazioni #pugliadaamareonline #Bari #Mostre #Eventi

PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA A SINDACO DI BARI DI IRMA MELINI di Crescenza Caradonna

PUGLIA D'AMARE

BARI, 27 FEBBRAIO 2019

PRESENTAZIONE DELLA CANDIDATURA A SINDACO DI BARI DI IRMA MELINI
PRESENTAZIONE PROGRAMMA

foto di Crescenza Caradonna

La candidata sindaco di Bari IRMA MELINI ha presentato oggi il suo programma elettrorale, cinque i punti, come le dita di una mano, per una Bari accogliente, accessibile, vivibile,attrattiva e innovativa.

Sono cinque i punti del programma elettorale di Irma Melini, candidata sindaco di Bari alle Amministrative del prossimo maggio, presentato questa mattina nella sede del comitato elettorale di Corso Cavour. Cinque, come le dita di una mano, per una Bari all’insegna del nuovo e delle innovazioni.

Irma Melini immagina per Bari una città con un cuore che pulsi concretamente a sostegno delle famiglie, dei disabili, della sicurezza del territorio potenziandone il commercio, il turismo attraverso un rilancio concreto e stabile per tutti i cittadini baresi.

Ha dichiarato la candidata sindaco Irma Melini : “Io porto un metodo con me…

View original post 102 altre parole

Solo Poesia di Cresy: BARI D’AMARE

https://solopoesiedi.blogspot.com/2018/12/bari-d.html

“OPERE IN MOSTRA – INCONTRO PITTORICO E POETICO” (Bari)

“OPERE IN MOSTRA – INCONTRO PITTORICO E POETICO”

 

 

“OPERE IN MOSTRA – INCONTRO PITTORICO E POETICO” è un evento che si svolgerà martedì 03 aprile ore 17:00 presso ‘Carenza Belle Arti’ della dott. Enrica Carenza in Via Piccinni, 158 a Bari nel quale sarà presentato il libro: ‘DIPINGI UNA POESIA CON PAROLE E COLORI’ di CRESCENZA CARADONNA e DOMENICO BERARDI dove saranno esposte le opere dell’artista Domenico Berardi fino a lunedì 09 aprile.

 

LOCANDINA.png

Durante l’inaugurazione saranno presenti illustri ospiti del mondo letterario e artistico:
Dott. Vito Cracas (critico d’arte)
Prof. Nicola Cutino (divulgatore culturale)
Dott. Luciano Anelli (divulgatore e promotore culturale)

Celestina Carofiglio (scrittrice)
Elisa Ferorelli (scrittrice)
Maria de Marzo (artista)

INAUGURAZIONE: Martedì 03 Aprile 2018 ore 17:00
CHIUSURA MOSTRA: Lunedì 09 Aprile 2018


INGRESSO LIBERO VISITABILE TUTTI I GIORNI DELL’ESPOSIZIONE.


GRAZIE


Crescenza Caradonna

PUBBLICATO ANCHE SU:

 

 

 

 

 

PUBBLICATO ANCHE SU: PUGLIA D’AMARE QUOTIDIANO D’INFORMAZIONE


Informazioni editoriali

È possibile VOTARE il mio mini-racconto “Barivecchia”

🌻❤️🌻❤️🌻

Foto di Cresy

LA MURAGLIA DI BARIVECCHIA

È possibile VOTARE il mio mini-racconto

“Barivecchia”

tramite msg WHATSAPP 3775396968 di Canale 100 la Radio o tramite e- mail all’indirizzo

centoparole@tim

oppure direttamente su FB:

Cento Parole Un Racconto

si potrà votare fino alle 24 del 7 MARZO 2018

GRAZIE A TUTTI di CUORE❤️

Cresy Crescenza Caradonna

10 scatti per Bari Vecchia-Vernissage Mostra Fotografica



10 scatti per Bari Vecchia

Vernissage Mostra Fotografica


Grazie della citazione tratta da una mia poesia/breve racconto di “Bari Vecchia” sulla locandina dell’evento perché fotografare è come scrivere una poesia fatta di emozioni visive, di ricerca e di cuore…complimenti Antonio Tevere la nostra bella città vecchia ne sarà magnificata!

 Bari Vecchia

Passeggio per le stradine della mia città, odore di ragù e di pulito, tra i vicoli donne sull’uscio intente ad impastare e a chiacchierare, parole incomprensibili, mi salutano allegramente. In lontananza odo i rintocchi del vecchio campanile, l’aria è profumata di mare mentre stridenti rondini si librano tra i ruderi di antiche case nobiliari svetta la Basilica di San Nicola. Mi incammino tra gli stretti vicoli di Bari vecchia, la vita scorre lenta lenta tra quei ciottoli pregni di storia. L’odore buono del mare solletica il mio olfatto già estasiato dai mille e più profumi dei vicoli in festa per San Nicola, sì il santo patrono della città : oggi è il giorno a lui dedicato. Una folla di gente accorre verso la muraglia, le vecchie mura della città, brulica con il naso all’insù dove spettacolari fuochi dai colori fantastici illuminano la notte stellata baciata da una argentea luna piena. Io mi perdo nella mia città ingoiata da volti sconosciuti intenti a festeggiare. Stordita dalla calca, ritrovo la via e m’incammino per non so dove ma felice di aver avuto la possibilità di ubriacarmi di vita della bella mia città!

di Crescenza Caradonna

 

Copyright©2010 Inedita
Tutti i diritti riservati
Info ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni
Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione
in qualunque forma, senza il consenso dell’Autore.

 

Vernissage Mostra Fotografica
Mercoledì 1 giugno 2016 -ore 21.00-
C.so Italia, 112
BARI


http://wp.me/p137Y2-d81

Posted by Cresy Crescenza Caradonna on Wednesday, June 8, 2016

‘Bari è cultura’ a cura di Cresy

‘Bari è cultura’

a cura di Cresy

Si è svolto in un clima familiare il reading poetico aspettando San Valentino “Aperitivando… con Amore” nella cornice della libreria Di Marsico 2015 a Bari dove numerosi poeti del territorio barese, si sono avvicendati nella recita delle loro poesie per festeggiare l’amore con la collaborazione, visione e regia interpretativa dell’attrice Floriana Uva.

Salita sul proscenio, quel leggio nero mi faceva paura poi la passione incommensurabile per la poesia, mi ha fatto vincere la mia proverbiale riservatezza porgendo al pubblico presente la recita di una mia dolce lirica d’amore seguita dalla lettura attoriale di Floriana Uva che ha dato un tocco di sana teatralità all’avvenimento.

Una mattina all’insegna della cultura che a Bari dovrebbe diventare un appuntamento fisso perché la poesia non muoia ma venga divulgata come emozioni sentimentali fruibili a tutti e per tutti.@

GRAZIE Floriana

Di Cresy Crescenza Caradonna

 

Commento alla lirica : U mestepànne de Bare Vecchie ” Mastro Nicola


Commento alla lirica

U mestepànne de Bare Vecchie ” Mastro Nicola”
‪#‎bari‬ ‪#‎poesia‬ ‪#‎barivecchia‬
http://wp.me/p137Y2-cml:

Cara Cresy, ho letto il tuo scritto con attenzione.

Grazie per avermelo inviato!

Ho conosciuto tuo zio, quando aveva la sua botteguccia in Largo Ospedale Civile.

Per antonomasia era “u mestepànne” de Bare Vecchie anzi “u megghie” in assoluto per l’ alta professionalità.

Poi lo ricordo quando mi recavo a comprare gli abiti presso il negozio Incis nmenze a u Corse dove tuo zio accorciava ed adeguava i capi di abbigliamento e quando, in seguito, mi recavo a casa sua alla Banghìne accolto sempre con affetto anche dalla “meste” sua moglie.

Infine, ho potuto salutarlo quasi quotidianamente quando cambiò casa di pochi numeri civici andando ad abitare sope a Rosette la chezzàle.

Un caro saluto!



GRAZIE
professor Nicola Cutino

(studioso delle tradizioni baresi)


Il lungomare di Bari
Opera di Katya Abbresciaimage

U mestepànne de Bare Vecchie ” Mastro Nicola” #bari #poesia #barivecchia

“Mastro Nicola”
u mestepànne de Bare Vecchie

‪#‎bari‬ ‪#‎poesia‬ ‪#‎barivecchia‬

Ago e filo
un grande bancone da lavoro
un caldo ferro d’altri tempi
tra le mura di un’antica casa di Bari vecchia
ricordo così zio Nicola,
io bambina ammiravo ogni gesto
ogni minuscolo movimento
quelle mani così agili sul grezzo tessuto
tagliavano cucivano con artistica armonia
e poi tutto quel vapore come una soffice nuvola
s’alzava al cielo sbuffando
mentre le grandi forbici
legate ad un rude filo
guardavano l’opera di mastro Nicola mio zio,

 

quanto amavo andar lì in quella casetta
dai sapori viscerali sempre odorosi di ragù
che andava lento lento fino al desinar del pranzo,

 

ora mi ritorna in mente
ora tutto ha un senso
ora, quella piccola loggia, dell’antica casa
che gravitava sui vicoli di Bari vecchia,
ha il sapore d’amore
amor per la mia terra
amor per quelli che sono stati
amore per quelli che saranno
amor che nulla lascia al caso
amor che tutto lenisce
quell’amore chiamato terra mia
fatto di tradizioni sensazioni
perdute ma mai più dimenticate,

 

nella memoria nitide immagini si colorano di rosa
di un’infanzia, la bella infanzia,
scrigno di me fino alla fine di me.@


(Dedicata a mio zio Nicola nobile sarto di Bari vecchia)
Noi siamo quello che abbiamo vissuto

di

CresyCrescenza Caradonna

image

 Commento alla lirica:

Cara Cresy, ho letto il tuo scritto con attenzione. Grazie per avermelo inviato! Ho conosciuto tuo zio, quando aveva la sua botteguccia in Largo Ospedale Civile.

Per antonomasia era “u mestepànne” de Bare Vecchie anzi “u megghie” in assoluto per l’ alta professionalità.

Poi lo ricordo quando mi recavo a comprare gli abiti presso il negozio Incis nmenze a u Corse dove tuo zio accorciava ed adeguava i capi di abbigliamento e quando, in seguito, mi recavo a casa sua alla Banghìne accolto sempre con affetto anche dalla “meste” sua moglie.

Infine, ho potuto salutarlo quasi quotidianamente quando cambiò casa di pochi numeri civici andando ad abitare sope a Rosette la chezzàle.

Un caro saluto!



GRAZIE
professor Nicola Cutino

(studioso delle tradizioni baresi)


LEGGI ANCHE SU:

http://wp.me/p137Y2-cmx


Concorso di Poesia e Narrativa “Estate in poesia” 1° Edizione in memoria di Isabella Morra

Concorso di Poesia e Narrativa
“Estate in poesia”
1° Edizione
in memoria di Isabella Morra
———–
Ho proposto le poesie:

“Ode ad Isabella”

Aspre rime di un crudel destino
serrate nel crogiolo di infinite parole
di un tempo ormai remoto

giovan donzella
verginea donna rinascimentale
germoglio di tenero virgulto

s’odon ancor nel borgo le campane a festa
nel remoto luogo natale
ove il poetare ti fu caro

immaginario
esistenziale
originale

Isabella
qual nome non fu mai così chiaro
nell’oscuro vagheggiare delle rime
poste lì su quei bianchi fogli
dorosi, ancor oggi, di rosa selvaggia

nel ricordarti poetessa cara
nelle perle lacrimevoli
eco del mio cuor
in un ode poetica di quel tempo che fu

cercato nelle rime
per sempre serrate nell’anima mia

Isabella
spenta per amore
sotto i colpi fraterni
sporchi del tuo stesso sangue
ancor giovane ancor bella ancor acerba
per sempre nel ricordo
evo di infinite parole incancellabili.

di Cresy Crescenza Caradonna
—————————————

“Bianca rosa di luna”

Bianca rosa
cattura la luna
l’alba valica l’anima mia

stormi di aquiloni veleggiano tra le nuvole
ad uno ad uno s’infrangono i sogni
trafitti nel cuore
affacciati tra le stelle fantasmi della notte

bianca rosa sul petto
rugiada del nuovo mattino
lungo il giorno che lento va
a turbare il chiarore infranto
in uno spicchio d’estate

nel risveglio che ruba luce al sole
lieve lieve m’adagio
nell’afflato poetico che fine mai avrà.

di Cresy Crescenza Caradonna
——————

LE PROPONGO ALLA VOSTRA GENTILE LETTURA.
-EVENTO PASSATO-
GRAZIE
__________________