‘Insieme verso il cielo’

Insieme verso il cielo

“Ci tenevamo per mano
ma non è servito a salvarci la vita

insieme siamo divenuti Angeli
insieme tra le stelle più luminose del creato
splendiamo come piccole lucine …”


alzo gli occhi al cielo
cerco due sciee son bagliori, i più luminosi,
sembrano due faccine che sorridono
sembrano candide alate piume
anime volate via, dalla nuda terra madre, troppo presto


lacrime verso
che sembran diamanti eterni, scendon copiose
per due bambini strappati alla vita
per due bambini vittime innocenti
di un viver terreno che ora piange
due piccoli inermi corpi divenuti Angeli del firmamento.


Cresy Crescenza Caradonna🙁

‘Insieme verso il cielo’

Pensieri

A U T I S M O

Sei in gabbia
ti manca l’aria
il terreno sotto i piedi si sgretola

cadi nel baratro
giù sempre più giù
poi una luce la guardi risali la china.

Sorrisi
abbracci
mani tese

cuore
amore
anima

tante mani tese
che si stringono alle tue

tra segni e non parole
tra sguardi e non parole

tra abbracci solidali
non deve far paura quella parola
‘autismo’
son solo vocali e consonanti che sanno d’amore
amore che tutto lenisce
che tutto guarisce
che tutto consola e risolve

dove lì nel tuo cuore
una lucina s’è accesa.


Cresy Crescenza Caradonna

“Istruzioni dell’anima” di Crescenza Caradonna

Istruzioni dell’anima

Radici

Le radici del cuore
scavano l’anima
penetrano
l’ignoto corpo violato

Rannicchiata
ferita d’amore

stilla una perla di lacrima.@

 
Crescenza Caradonna

Copyright©2010 Inedita
Tutti i diritti riservati

  • Info ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell’Autore.

POESIA TRATTA DAL LIBRO  

 


ISTRUZIONI dell’anima (Edizione Italiana) [Formato Kindle]

Crescenza Caradonna (Autore)


http://www.amazon.com/s/ref=nb_sb_noss?url=search-alias%3Dstripbooks&field-keywords=+Crescenza+Caradonna


“Frida” di Crescenza Caradonna

Radici
1943
Olio su te La 30.5×100 cm
di Frida Kahlo



“Frida”

 

Filosofia orientale
radici risposte di vita
sofferta
vissuta,

 

medita Frida
negli otto gradini del Buhha,

sentieri sull’intensa tela
legame con la natura
così da trasfigurarsi
come una pianta viva,

 

vestita d’arancio
nell’arida terra
genera rami e foglie
il corpo feconda germoglia,

 

è poesia Frida
con le sue debolezze
varca i suoi limiti

 

in un desiderio di ritrovare un equilibrio
per un piacere
sensuale e spirituale
oltre i muri terreni,

 

è poesia Frida
icona del nostro tempo,

 

di carne ferita
pittrice intensa
viva per sempre
nei colori delle sue tele.
di Cresy Crescenza Caradonna

Globo Lunare_POESIA DI CRESCENZA CARADONNA

IL BUONGIORNO

Globo lunare

Tu ci sei
solitudine struggente
trepida ed allegra
bussi  alla porta dei ricordi

vivi lì nello spazio
piroetti a passo di danza
nostalgica voce trasparente
di ambigui desideri celati

addosso l’odore delle rose
raccolte come segreti

danza in un girotondo
struggente solitudine
scia argentea
in un luminescente globo lunare.©

Crescenza Caradonna


Copyright ©2011 Inedita
Tutti i diritti riservati

Pubblicata anche su:
” Poesia “
Diritti d’autore  Copiare è reato!

Questo blog è dedicato alle mie poesie , sono da considerarsi opere pubblicate ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l’autorizzazione dell’Autore. La riproduzione, anche parziale, senza l’autorizzazione dell’Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge. Si ricorda comunque che qualsiasi opera dell’ingegno è tutelata da Licenza CC, che esclude la riproduzione senza corretta attribuzione. Molte immagini sono state prelevate dal Web. Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare e saranno eliminati immediatamente.

 ….. Grazie! …..

  Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.

GRAZIE PER LA LETTURA!

Se quel giglio- poesia di CresyCrescenza

 

O' sole se ne scenne

 

 

 

‘Se quel giglio’

Se quel giglio tra le rupi,

potesse parlare,
s’apre al nuovo sole

se il dì potesse parlare,
quanto dolore in quel giallo nascente,

giglio screziato di rosso 
nel fosso lì tra le pietre mute; respira ancora!
Inedita@2016

di CresyCrescenza Caradonna

Globo Lunare- Poesia di Cresy

z54c4f9f95b872 (1)

Globo lunare

Tu ci sei
solitudine struggente
trepida ed allegra
bussi  alla porta dei ricordi

vivi lì nello spazio
piroetti a passo di danza
nostalgica voce trasparente
di ambigui desideri celati

addosso l’odore delle rose
raccolte come segreti

danza in un girotondo
struggente solitudine
scia argentea
in un luminescente globo lunare.©

Cresy Crescenza Caradonna
Copyright ©2011 Inedita
Tutti i diritti riservati

Pubblicata anche su:
” Poesia “
Diritti d’autore  Copiare è reato!

Questo blog è dedicato alle mie poesie , sono da considerarsi opere pubblicate ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l’autorizzazione dell’Autore. La riproduzione, anche parziale, senza l’autorizzazione dell’Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge. Si ricorda comunque che qualsiasi opera dell’ingegno è tutelata da Licenza CC, che esclude la riproduzione senza corretta attribuzione. Molte immagini sono state prelevate dal Web. Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare e saranno eliminati immediatamente.
 ….. Grazie! …..
  Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.

GRAZIE PER LA LETTURA!

‘I numeri primi’ Poesia di Cresy Crescenza Caradonna


154600_156704844372164_5346215_n

 La solitudine dei numeri primi
Paolo Giordano

«I NUMERI PRIMI»

Uno
tre, cinque, mille cassetti apro e chiudo
scrigni segreti del mio io,

a te decifrare quello giusto
quello che ti porterà ad aprire il mio cuore intriso d’anima ribelle

mille e più ne divorano la carne
l’abbeverano lentamente di fragile sapere

l’ io folle
l’ io razionale
l’ io viscerale

io solo io sempre io nella solitudine dei numeri primi.

Copyright©2010 Inedita
Tutti i diritti riservati

Solo Poesia di Cresy

Album:

Poesie…” Depositi di rugiada “

….

GRAZIE PER LA VISITA!