Poesie in dialetto barese di Crescenza Caradonna

PREMIO LETTERARIO DIALETTALE
La Trifora d’Oro
Organizzato da Il Filo Del Discorso
Sala Castello Bitritto,18 / 19 gen 2020
Premio per la cultura e della tradizione locale
La scrittrice barese CRESCENZA CARADONNA ha partecipato con le seguenti poesie:

“La barese”

Ondeggia la bella barese
i tacchi picchiettano
le bianche stradine
tra i vicoli
già si alza il chiacchiericcio delle donne

profumi mediterranei nell’aria marina
inebriano i sensi di ignari passanti…

cammina con incedere sicuro
beltà di prorompente avvenenza
varca la soglia dell’antica casa materna
ritrova l’approdo.

Profonde
le radici scavano nel cuore
fecondano l’anima
ritorno alla terra.

Traduzione in dialetto barese

“La Barèse”

Fasce ndinghe e ndanghe
la bella barèse

zembànne sop’a le chianghe
jìnd’ a le straduècchie
prefùme nostràne d’ aria marìne
sterdèscene le sinze de le scanesciùte
camìne secùre secùre
la bellèzza de secùra prestànze
trase jìnd’ a la casa matèrne
iacchie u poste secùre.

Affùnne
le radìsce affònnene jìnd’ a u core
scàldene l’ àneme
retòrnene a la terre.

“Mastro Nicola
u mestepànne de Bare Vecchie”

Ago e filo
un grande bancone da lavoro
un caldo ferro d’altri tempi
tra le mura di un’antica casa di Bari vecchia
ricordo così zio Nicola, io bambina ammiravo ogni gesto
ogni minuscolo movimento
quelle mani così agili sul grezzo tessuto
tagliavano cucivano con artistica armonia
e poi tutto quel vapore come una soffice nuvola
s’alzava al cielo sbuffando
mentre le grandi forbici
legate ad un rude filo
guardavano l’opera di mastro Nicola mio zio,
quanto amavo andar lì in quella casetta
dai sapori viscerali sempre odorosi di ragù
che andava lento lento fino al desinar del pranzo,

ora mi ritorna in mente
ora tutto ha un senso
ora, quella piccola loggia, dell’antica casa
che gravitava sui vicoli di Bari vecchia,

ha il sapore d’amore
amor per la mia terra
amor per quelli che sono stati
amore per quelli che saranno
amor che nulla lascia al caso
amor che tutto lenisce
quell’amore chiamato terra mia
fatto di tradizioni sensazioni
perdute ma mai più dimenticate,

nella memoria nitide immagini si colorano di rosa
di un’infanzia, la bella infanzia,
scrigno di me fino alla fine di me.

Traduzione in dialetto barese

“Meste Necòle
U mestepànne de Bare Vecchie”

Iaghe e file,
nu gresse vangòne,
n’ andìche firre calde
jìnd’ a a na casa andìche de Bare Vecchie.
M’ arrecòrdeche addacchesì ze Necòle.
Jì , da peccenènne, chiamendàve
tutte le mìneme mevemìnde ,
Chidde mane velòsce nmenze a le stòffe.
Tagghiàvene, chesèvene com’ a n’ artìste!

E po’, tutte cudde vapore com’a na nùvela modde
s’alzave ngile sbettànne.
Ndaratànne ca tagghiave che la fòrbece
attaccàte che nu file resestènde
chiamendàve l’òpere de meste Necòle ziàneme.
Quand’ amàve sci’ jìnd’ a chedda casètte
semme aderòse de ragù,
ca chescève linde linde pezzìnghe a l’ ore de mangià.

Mo , capìsceche,
mo tutte iave nu sense
mo, chedda loggia peccenònne del’ andica case
ca steve jìnd’ a le vìchele de Bare Vecchie
sacce ca teneve u sapòre de u amòre,
amòre pe la terra me,

amòre pe chidde ca so’ state
amòre pe chidde ca avònna nasce
amòre ca nudde allàsse a la fertùne
amòre ca tutte uarìsce
cudd’ amòre chiamàte terra me
fatte de tradeziùne, senzaziùne
perdùte, ma ma’ chiù scherdàte,

Jìnd’ a la memòrie le requèrde se tengene de rose
de na nfanzie, la bella nfanzie,
tresòre de me fin’ a la fine di me stesse.
http://cresypuglia.home.blog/2020/01/22/53740/

Categorie: Tag: , ,

LASCIA UN COMMENTO...GRAZIE!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...