“Ride la gazza, nera sugli aranci ” di Salvatore Quasimodo

My little poetry by Cresy Crescenza

“Ride la gazza, nera sugli aranci ”
di Salvatore Quasimodo

Ride la gazza, nera sugli aranci

Forse è un segno vero della vita: intorno a me fanciulli con leggeri moti del capo danzano in un gioco di cadenze e di voci lungo il prato della chiesa. Pietà della sera, ombre riaccese sopra l’erba così verde, bellissime nel fuoco della luna! Memoria vi concede breve sonno; ora, destatevi. Ecco, scroscia il pozzo per la prima marea. Questa è l’ora: non più mia, arsi, remoti simulacri. E tu vento del sud forte di zàgare, spingi la luna dove nudi dormono fanciulli, forza il puledro sui campi umidi d’orme di cavalle, apri il mare, alza le nuvole dagli alberi: già l’airone s’avanza verso l’acquae fiuta lento il fango tra le spine, ride la gazza, nera sugli aranci.

(Si tratta di una poesia ricca di immagini, che si susseguono una dopo l’altra nella mente del poeta, immagini fatte di suoni, colori e profumi.)

 

SALVATORE QUASIMODO

(Modica, Ragusa, 1901 –…

View original post 279 altre parole

Categorie:

LASCIA UN COMMENTO...GRAZIE!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...