“I vostri figli” (Khalil Gibran)

#mammacresy

“I vostri figli”

I tuoi figli non sono figli tuoi.
Sono i figli e le figlie della vita stessa.
Tu li metti al mondo ma non li crei.
Sono vicini a te, ma non sono cosa tua.
Puoi dar loro tutto il tuo amore,
ma non le tue idee.
Perché loro hanno le proprie idee.
Tu puoi dare dimora al loro corpo,
non alla loro anima.
Perché la loro anima abita nella casa dell’avvenire,
dove a te non è dato di entrare,
neppure col sogno.
Puoi cercare di somigliare a loro
ma non volere che essi somiglino a te.
Perché la vita non ritorna indietro,
e non si ferma a ieri.
Tu sei l’arco che lancia i figli verso il domani.


(Khalil Gibran)

I vostri figli’ di Gibran è una parte del libro ‘Il Profeta’, composto da 26 saggi nel quale l’autore affronta differenti tematiche della vita. In questo libro Gibran parla del bene e del male, del tempo, dell’amicizia, della conoscenza di sé, della sofferenza e, appunto, dei figli.

Khalil Gibran (1883 – 1931) è stato un poeta e aforista libanese naturalizzato statunitense. Le sue opere, nelle quali l’autore ha cercato di unire a civiltà occidentale con quella orientale, sono state tradotte in oltre 20 lingue. Le più famose sono Il profeta e Massime spirituali.
Cresy Crescenza Caradonna
#DigitalArt #poeti