OGGI

accadde-oggi_1499227663556OGGI
Puglia da amare Quotidiano d’informazione


Arrigo Levi salutato da Giorgio Napolitano a margine della presentazione del libro “Emilio Colombo, per l’Italia, per l’Europa – conversazione con Arrigo Levi”, marzo 2014

Arrigo Levi (Modena, 17 luglio 1926) è un giornalista, scrittore e conduttore televisivo italiano.


La carriera giornalistica

Dopo la guerra è tornato con la famiglia dall’Argentina a Modena, appena in tempo perché suo padre potesse partecipare, il 2 giugno 1946, al Referendum istituzionale. A Modena ha completato gli studi universitari, laureandosi in Filosofia, e ha continuato la sua carriera giornalistica presso il giornale “Unità Democratica” diretto da Guglielmo Zucconi, dove già collaborava prima di partire per l’Argentina. Poi parte per Israele: si arruola volontario nelle brigate del Negev e partecipa alla prima guerra arabo-israeliana.

Rientrato in Italia si è successivamente trasferito a Londra, dove ha lavorato al programma “Radio Londra” presso la BBC. Successivamente è stato corrispondente del quotidiano torinese «Gazzetta del Popolo». Dal 1953 al 1959 ha inviato le sue corrispondenze da Roma al quotidiano «Corriere d’Informazione», edizione pomeridiana del «Corriere della Sera».

Gli incarichi più importanti

Nel 1960 si è trasferito a Mosca. Qui, fino al 1962, è stato corrispondente del Corriere della Sera e poi, fino al 1966, è stato corrispondente de Il Giorno. Nel 1966 è passato alla Rai, dove ha condotto il telegiornale fino al 1968 (e fu questa un’innovazione, in quanto fino ad allora i telegiornali erano stati “letti” da speaker professionisti e non da giornalisti). È tornato alla carta stampata nel 1969, come inviato del quotidiano torinese La Stampa, incarico che ha ricoperto fino al 1973, quando è diventato direttore dello stesso giornale e del quotidiano del pomeriggio Stampa sera. È rimasto a Torino fino al 1978. Dal 1979 al 1983 ha collaborato con il Times, curando la rubrica di problemi internazionali. Nel 1988 è diventato capo editorialista del Corriere della sera e dal 1998 al 15 maggio 2013 è stato consigliere per le relazioni esterne del Quirinale, prima con Carlo Azeglio Ciampi e poi con Giorgio Napolitano

La televisione

Oltre al telegiornale, al quale si è dedicato nella metà degli anni sessanta, Levi ha legato il suo nome anche a molte trasmissioni televisive, in gran parte realizzate per la Rai. Tra queste: Tam Tam (1981), Punto sette e Punto sette, una vita. Poi, per Canale 5, Tivù Tivù con Angelo Campanella (dal 1985 al 1987). In seguito di nuovo per la Rai: I giorni dell’infanzia (1993), Emozioni Tv (1995) e Gli archivi del Cremlino (1997), programma del quale è stato anche autore. Nel 1999, su Raiuno, ha condotto C’era una volta la Russia.

NOTIZIE DAL WEB
Annunci

LASCIA UN COMMENTO...GRAZIE!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...