U mestepànne de Bare Vecchie ” Mastro Nicola” #bari #poesia #barivecchia

“Mastro Nicola”
u mestepànne de Bare Vecchie

‪#‎bari‬ ‪#‎poesia‬ ‪#‎barivecchia‬

Ago e filo
un grande bancone da lavoro
un caldo ferro d’altri tempi
tra le mura di un’antica casa di Bari vecchia
ricordo così zio Nicola,
io bambina ammiravo ogni gesto
ogni minuscolo movimento
quelle mani così agili sul grezzo tessuto
tagliavano cucivano con artistica armonia
e poi tutto quel vapore come una soffice nuvola
s’alzava al cielo sbuffando
mentre le grandi forbici
legate ad un rude filo
guardavano l’opera di mastro Nicola mio zio,

 

quanto amavo andar lì in quella casetta
dai sapori viscerali sempre odorosi di ragù
che andava lento lento fino al desinar del pranzo,

 

ora mi ritorna in mente
ora tutto ha un senso
ora, quella piccola loggia, dell’antica casa
che gravitava sui vicoli di Bari vecchia,
ha il sapore d’amore
amor per la mia terra
amor per quelli che sono stati
amore per quelli che saranno
amor che nulla lascia al caso
amor che tutto lenisce
quell’amore chiamato terra mia
fatto di tradizioni sensazioni
perdute ma mai più dimenticate,

 

nella memoria nitide immagini si colorano di rosa
di un’infanzia, la bella infanzia,
scrigno di me fino alla fine di me.@


(Dedicata a mio zio Nicola nobile sarto di Bari vecchia)
Noi siamo quello che abbiamo vissuto

di

CresyCrescenza Caradonna

image

 Commento alla lirica:

Cara Cresy, ho letto il tuo scritto con attenzione. Grazie per avermelo inviato! Ho conosciuto tuo zio, quando aveva la sua botteguccia in Largo Ospedale Civile.

Per antonomasia era “u mestepànne” de Bare Vecchie anzi “u megghie” in assoluto per l’ alta professionalità.

Poi lo ricordo quando mi recavo a comprare gli abiti presso il negozio Incis nmenze a u Corse dove tuo zio accorciava ed adeguava i capi di abbigliamento e quando, in seguito, mi recavo a casa sua alla Banghìne accolto sempre con affetto anche dalla “meste” sua moglie.

Infine, ho potuto salutarlo quasi quotidianamente quando cambiò casa di pochi numeri civici andando ad abitare sope a Rosette la chezzàle.

Un caro saluto!



GRAZIE
professor Nicola Cutino

(studioso delle tradizioni baresi)


LEGGI ANCHE SU:

http://wp.me/p137Y2-cmx


6 pensieri su “U mestepànne de Bare Vecchie ” Mastro Nicola” #bari #poesia #barivecchia

  1. Io non sono di Bari perché sono nata in Sicilia, ma vivo qui da oltre 45 anni e sono felice di viverci perché sono innamorata di Bari, della baresita’ , della cucina , delle tradizioni . Ho apprezzato tanto questo scritto che hai dedicato a Mastro Nicola , lo hai descritto in modo così reale che ce lo hai dato nella sua realtà ! Complimenti Cresy, sei brava davvero!

    Liked by 1 persona

    1. Grazie Cettina Fazio Bonina di cuore…
      più bel commento non poteva esserci sono onorata ed infinitamente felice di aver potuto condividere i miei ricordi che scalpitano nel mio cuore e sono sempre alla ricerca di uno spiraglio per poter vedere la luce quella luce che filtra attraverso la nascita di una poesia.

      Mi piace

LASCIA UN COMMENTO...GRAZIE!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...