La cella

La Cella

 

 La Cella

È la prima notte
lì  tra le bianche mura dell’ angusta cella
poggiata su di un pagliericcio
ritrovo la croce nuda e fredda

un libro ed un rosario

gelida notte di gennaio
su quel povero giaciglio duro quasi inumano
accarezzo i miei dolori cullati da dolci profumi di fiori
sì ne sento l’odore
così intenso tanto da stordirmi i sensi 

a piedi nudi assaggio ogni centimetro della stanza
il silenzio è totale
si delinea il volto del  ” Padre “

lo vedo sui muri

ne sento la presenza
ne annuso l’odore,

lì dove mi  porta il mio cuore
dove la fede viaggia con l’anima
rinata chiudo la porta.@

Crescenza Caradonna
 

 

Cresy Crescenza Caradonna@21 aprile 2011

Vietato copiare uno stralcio o l’intero
senza autorizzazione dell’autrice
Grazie

 Dopo aver visitato la Cella dove visse Padre Pio.

Copyright©2011 Inedita Tutti i diritti riservati
Info ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell’Autore.

Articolo correlato

 


Annunci

3 comments

LASCIA UN COMMENTO...GRAZIE!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...