Viva l’Italia di Crescenza Caradonna

 

” Viva l’Italia “

Quella mattina di maggio, il cielo azzurro si confondeva con il mare, le Frecce Tricolori sfrecciavano sui cieli della mia città, esibendosi in acrobazie spettacolari, non avevo mai visto niente di più bello!
Io con il naso all’insù, guardavo estasiata, sembrava che potessi toccare con un dito quegli aerei fantastici, tanto volavano bassi, almeno mi sembrava!
Poi il cielo diventò una grande tela azzurra sulla quale si pennellarono tre colori: verde, bianco e rosso:
la Bandiera Italiana!
Orgogliosa della meraviglia che si presentava ai miei occhi increduli e gridai: ” Viva L’ Italia “



 ( Foto di Simone Forte)

Copyright©2010 Inedita
Tutti i diritti riservati

http://www.facebook.com/profile.php?id=100000527696016

Incantesimo- Poesia di Cresy Caradonna

 

Nessuna descrizione della foto disponibile.

Incantesimo

Questo è incantesimo
mi ha preso anima e corpo

incantesimo ritratto
sul quel viso
saluto la bellezza.

Fiorita  è la  dolcezza nelle zone d’ombra
l’alba solleva la notte

i veli si levano ad uno ad uno
a nudo è la donna

spoglia da ogni barriera
bevo alla sorgente acqua rosa.

Cresy Crescenza Caradonna
Copyright©Tutti i diritti riservati
ALL RIGHTS RESERVED


Controluce

10704817_910586125635635_1039379793_n Controluce


Luce di donna
enigma di ombre
è passione suadente
di intima bellezza nascosta

volto immaginario
su di un corpo voluttuoso,

rosso il sangue scorre
rosso come i colori dell’amore

la tela ha preso fuoco.@

Cresy Crescenza

22 gennaio 2011 @

Info ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell’Autore.


Grazia Deledda

English: Grazia Deledda Česky: Grazia Deledda
  Grazia Deledda  


Grazia Deledda
 

Premio Nobel 1926 per la letteratura

MOTIVAZIONE: Per le sue opere, idealisticamente ispirate, che tratteggiano con plastica chiarezza la vita della sua isola.

Grazia Deledda nacque a Nuoro, nel cuore della Sardegna, nel 1871. Autodidatta, causò grave scandalo nell’ambiente chiuso e ristretto della natia provincia quando pubblicò il suo primo racconto su di una rivista.
Le opere della Deledda cominciarono a essere conosciute dopo che l’autorevole critico Ruggero Bonghi scrisse la prefazione del romanzo Anime oneste, e ben presto la fama della scrittrice si diffuse in patria e all’estero. A partire dal 1900 , trasferitasi a Roma, Grazia Deledda si dedicò interamente alla attività letteraria.

 

 

ARTICOLO CORRELATO SU:
 http://wp.me/p137Y2-3SN
 
 
Italiano: la Nuoro di Grazia Deledda
Italiano: la Nuoro di Grazia Deledda (Photo credit: Wikipedia)