L’eternità

 

Luce di
Luce
di Crescenza Caradonna

L’eternità

L’eternità è mare
si dissolve con il sole

sussurriamo confessioni nella notte
ci par giorno carminio nei rossori serali

anima mia sentinella del cuore
là voli via
ti liberi dove tu vuoi

là nessuno mi dirà
là nessuno mi governerà,

la ritrovata eternità si scioglierà in me.@

Cresy Crescenza

Copyright©Tutti i diritti riservati
ALL RIGHTS RESERVED

Pubblicata anche su :
http://www.facebook.com/photo.php?fbid=159524250756890&set=a.158550517520930.28150.153413424701306&type=1&theater

“Mistero” Poesia di Cresy Caradonna

“Mistero”

Vibrazioni angeliche
dimensioni sconosciute
misteri divini

crederci per amare
crederci per sognare
crederci per sperare.

E’ l’anima l’essenza umana
bianca e pura
ricerca l’amore
impercettibile sostanza
è il rifugio sicuro dell’uomo.

Se vorrai
tu vedrai.@

Cresy Crescenza Caradonna
©



🌸Candore 🌸Poesia di Cresy


Scrivi un commento…
Cresy Crescenza Copyrigth – ©

Candore

Immensa attraversi la notte della verità adagiata sei languida tu grembo  profumo di donna,

tu  donna hai amato un uomo un solo uomo sei candore color porpora riso di beltà affiora sulla bocca.

Misteriosa creatura rara femminilità di suprema poesia fiammeggi nel vergineo nettare del tuo seno,

hai bevuto alla fonte dell’amore il giallo polline come ape regina negli azzurri cieli,

sogno ti ha colta cerchiata da diamanti di luce appagata dall’amore di un uomo un unico uomo il solo tuo amore.

Cresy Crescenza

Copyright©2010 Inedita Tutti i diritti riservati

Info ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell’Autore.

******°°°°°******

caradonna.cresy@gmail.com

Poesie e donne

GRAZIE PER LA VISITA

La mia vita

La mia vita

La mia vita

Sprigioni amore,
col tuo petto sul mio petto

scorre il mio sangue nel tuo
dove vuoi che ti porti?

Fino alla fine dei mondi
andrò con te

carne mia
vita mia
unico puro
sei mio figlio,

quando alla terra mi unirò
e canteranno gli angeli

saprò di non esser vissuta invano.©

Cresy Crescenza
(Diritti Riservati)

♥27 novembre 2010 

Haiku/102/ di Crescenza Caradonna

 

la-voce-del-pensiero



solo parole
     io resto in silenzio
     è mare calmo

diCresyCrescenza Caradonna


Seconda classificato  a

” GLI ㊋ HAIKU㊋ DI LUNA☾ & FIRMINA☀ “

MOTIVAZIONE

Ancora il mare il protagonista. Un mare che tutto trascina e che tutto riconsegna. Interessante l’antitesi parole-silenzio. Spesso si può parlare per ore senza dire nulla o peggio senza che il dialogo porti a nessuna comprensione reciproca. Disarmati si rimane senza parole. Nessuno si accorge dell’agitarsi delle nostre correnti interiori…Il mare resta calmo e unico spettatore nel deserto di gesti affettuosi.


 

La città bucata di Crescenza Caradonna

La luna piena di CresyCrescenza Caradonna
La luna piena
di CresyCrescenza Caradonna

 

Il 23 di marzo del 2007 una enorme voragine, avente un diametro di 40 m una profondità di 150 m, si è aperta nel Barrio San Antonio zona 6 di Città del Guatemala tra le avenidas 21, 22, 23 e 24. La voragine provocò la morte accertata di tre persone (i fratelli Irma Yolanda e David Soyos, di 18 e 16 anni e del loro padre, Domingo, di 54), la sparizione di quattro case (abitate sembra da una quindicina di persone in totale), e comportò l’evacuazione per motivi di sicurezza, di circa 720 persone. Álvaro Hugo Rodas, direttore dello Sviluppo Sociale del municipio di Città del Guatemala, informò che la voragine fu causata dall’ostruzione di una delle fognature principali. Le acque nere infatti, iniziarono a fuoriuscire dalla tubatura e a filtrare nel sottosuolo, formando così poco a poco una caverna.

La città bucata

Voragine
terra e detriti
morti e feriti
si è aperta la città,

madri senza figli
terrore senza fine.

Lacrime nere sui volti
inghiottite da quel buco senza uscita.

Cresy Crescenza Caradonna

Copyright©2010 Inedita
Tutti i diritti riservati

Info ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell’Autore.

Album:
Poesie di Cronaca….” Lo scrigno delle Rose “