Il muro di Cresy Caradonna

 

Il muro

Quel lontano 1989 mi svegliai di buon’ora, sembrava un giorno come tutti gli altri  non sapevo che quella mattina sarebbe cambiata la vita intera di un popolo. Era nell’aria che qualcosa di grande stava accadendo, il momento era arrivato i tempi erano maturi. Io ero andata a trovare mia cugina nella fredda città di Berlino, da giorni vagavamo tra negozi e musei senza una meta ben precisa, ma quel viaggio nato come puro svago divenne per me indimenticabile.
Io ero lì tra la folla felice sotto il muro, la storia stava avendo il suo corso, quella storia che avevo letto sui libri  la toccavo con mano ed ora anche io né diventavo parte attiva viva.
Grida, urli , sorrisi, lacrime e poi le picconate a quel muro quel brutto muro, se pur coloratissimo che aveva diviso anime e uomini, amori e famiglie, razze e religioni.
Nel cassetto dello scrigno della mia vita, conservo gelosamente un pezzo di muro che ora ha il sapore della libertà ma quanto dolore e sangue raccoglie in se’ nessuno lo potrà mai sapere, la storia deciderà per lui, la storia ha avuto il suo corso.

Crescenza Caradonna

12 settembre 2010 @ 

 

 Anime perse 

Anime urlanti
gridano vendetta,

se il muro potesse parlare.

Intrappolate
grondano sangue innocente
infernale storia passata,

liberate dal girone dell’odio
angeliche
cercano pace.

Spargo puri fiori bianchi.@

Cresy Crescenza©Caradonna
Fatti e situazioni puramente immaginarie tratte da una storia vera


Categorie: Tag: , ,

Un commento

LASCIA UN COMMENTO...GRAZIE!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...